Ebbene sì, siamo arrivati al termine di questo diario di viaggio, questo sarà l’ultimo giorno di questa avventura.

Avevo deciso di godermi a pieno l’ultima giornata a Valencia, mi sono svegliata presto, e assieme alla mia amica ci siamo subito dirette nel centro storico della città, al Barrio del Carmen. Anche questo è un quartiere delizioso, antico e per questo molto caratteristico. Ci sono casine colorate, ed è pieno di  splendidi e singolari murales. Ci siamo lasciate andare e ci siamo immerse in queste belle viuzzine. Il quartiere è pieno di locali e affamate decidiamo di fermarci là per pranzo, era un po’ presto però, spesso le cucine in Spagna aprono tardi, non prima dell’una e noi da brave mattiniere, nonostante la colazione,  a mezzogiorno avevamo già fame.

Dopo aver mangiato, ho congedato per qualche ora la mia amica, e mi sono messa a fare la turista. Mi sono diretta alla Lonja, ovvero la loggia della seta o dei mercanti. Una meraviglia che risale al 1469, in stile gotico. Il prezzo del biglietto è di due euro, per gli studenti uno, niente per la bellezza della costruzione. Ho deciso di acquistare l’audio guida al prezzo di 3 euro, ne è valsa veramente la pena.


Successivamente mi sono diretta a visitare la cattedrale, una magnifica costruzione del 1238, anche questa in stile gotico. All’intero della cattedrale è situato il Santo Calice, anche conosciuto come il Sacro Graal. Questa volta il prezzo è un po’ più caro, l’ingresso costa 7 euro ma è comprensivo di audio guida.

Dopo la cattedrale sono passata per Plaza de Toros, dove vi è un arena in stile neoclassico, ispirata al Colosseo. 


Mi sono poi diretta di nuovo a Benimaclet, per ritrovare la mia amica e trascorrere l’ ultima serata valenciana. Abbiamo mangiato una grandissima e buonissima porzione di patatas bravas, e poi ci siamo direte al Kaf cafè, un posto dove ogni martedì sera c’è palco libero e molti ragazzi si recano là per esibirsi con musica e poesia. La serata inizia intorno alle 21.00 e dura circa un paio d’ore, l’ingresso è libero, si tratta di un piccolo e delizioso cafè. Tuttavia non eravamo ancora soddisfatte, allora siamo andate nella piazza di Benimaclet, dove c’erano diversi ragazzi che suonavano.

Siamo rimaste là a sentire un po’ di musica, volevo godermi la vacanza fino all’ultimo momento, e così ho fatto. Siamo poi tornate  a casa, ho dormito qualche ora per poi prendere l’aero e rientrare a casa felice del mio viaggio.