Il quarto giorno al solito ci siamo svegliati presto, ma il cielo non era limpidissimo quindi abbiamo deciso di non andare subito in spiaggia. Abbiamo optato per andare al forno di San Ferran a prendere un po’di dolci per la colazione e di andare a Cap de Barbaria.

La meta prescelta èun faro a strapiombo sul mare, circondato da nient’altro che natura. Abbiamo fatto una colazione/pic-nic là e poi essendosi schiarito il cielo siamo andati in spiaggia.

Abbiamo scelto di andare a Cala Saona, quella che a mio parere è la spiaggia più bella di Formentera. Siamo rimasti lì fino al tardo pomeriggio, e ci siamo rifocillati presso un chioschetto carino ed economico, dove abbiamo fatto amicizia con un ragazzo del posto che ci ha invitato ad andare a sentire suonare Flamemco la sera stessa a San Francesc.


Salendo dalla spiaggia abbiamo deciso di andare a vedere il mercatino hippy che si tiene tutti i mercoledì e domenica pomeriggio ad El Pilar, tuttavia siamo rimasti delusi in quanto di hippy c’era veramente poco.

Siamo poi rientrati all’hotel per sciacquarci e mangiare qualcosa al volo per poi andare a sentire il Flamemco a San Francesc, il paesino più carino e suggestivo dell’isola. I musicisti erano bravissimi, c’era molta gente che ballava e l’atmosfera era magica. Non potevamo chiedere modo migliore per concludere questa bellissima giornata.